Ottimismo, acqua, salute … le fondamenta di Help for Optimism – H4O Onlus


La parte bella di più progetto è quando questo diventa “grande”, cresce, si diffonde perché è già stato utile in un’altra occasione e per un’altra realtà. E così è accaduto con H4O Onlus, associazione che ci ha contattato grazie ad un suggerimento di un’altra Onlus.

Abbiamo incontrato Edoardo Bono e Guido Bagnoli, ideatori e referenti di Help for Optimism Onlus (H4O Onlus), associazione con sede a Torino.
Help for Optimism Onlus, ci hanno raccontato, è stata costituita ufficialmente nel luglio 2014 ma le sue origini risalgono al 2011 anno in cui Edoardo ebbe occasione di fare una vacanza in Madagascar, nell’isola di Nosiykomba, nel nord-ovest del paese. Fu infatti in tale periodo che iniziò un percorso di conoscenza e amicizia con la popolazione locale e nacque in lui il desiderio di contribuire allo sviluppo igienico sanitario attraverso progetti e interventi mirati.

Continua a leggere >>

Categorie: | Tags: , , , | Lascia un commento

Fare bene in Nepal, con il ricordo nel cuore. La storia di CECY Onlus

Ci sono esperienze del passato che “ritornano”, incontri che il destino “scrive” per noi. Ci sono realtà che è bello conoscere e raccontare.

Abbiamo incontrato Paolo Craveri, presidente e fondatore di Cecy Onlus, associazione con sede a Revello, in provincia di Cuneo.
Paolo ci ha raccontato di come l’associazione sia stata costituita purtroppo a seguito di un evento tragico, la scomparsa di sua figlia Cecilia, il primo settembre 2015. Fu allora infatti che gli amici e le persone accanto alla famiglia decisero di raccogliere fondi da destinare per un progetto, un sostegno. Grazie anche al contatto e all’amicizia con Lakpa Temba Sherpa, carissimo amico di Cecilia e originario di quelle terre, si scelse di contribuire al sostegno della comunità di etnia Sherpa, in Nepal.

Continua a leggere >>

Categorie: | Tags: , , , , , , , , , , , , | Lascia un commento

Awutuman School: un’esperienza nella scuola di Awutu Bawjiasi

Incontri che si intrecciano con amicizie passate. Incontri che si mescolano con il “passa parola”, con la speranza che un progetto sia utile, e accorgersi che lo è.

Abbiamo incontrato Cosmin Rovera, ideatore, referente della pagina Facebook Awutuman School.
Cosmin ci ha raccontato di come la pagina, e annesso sito internet, sia stata creata lo scorso mese di gennaio a seguito di un’esperienza di tre mesi da lui vissuta in Ghana.
Nel 2016 infatti ebbe occasione di diplomarsi in Operatore Tecnico e Servizio Socio Sanitario e decise di fare un’esperienza di volontariato all’estero. Dopo quindi una prima fase di ricerca entrò in contatto con l’associazione liberiana Pan African Center for Peace, ONG che opera sia in Liberia ma anche in altri Stati tra cui il Ghana.

Fu così che partì, il primo ottobre 2016.

Continua a leggere >>

Categorie: | Tags: , , , | Lascia un commento

R. D. Congo, Guatemala … “rialzarsi” con Amka Onlus


Lungo il percorso le persone possono cambiare, le storie possono modificarsi. Ma ogni passo è poi importante per creare un legame, costruire un legame. Abbiamo avuto infatti occasione di conoscere Amka Onlus grazie ad un contatto con una precedente collaboratrice dell’Associazione.

Abbiamo conosciuto Giulia Del Bosco attuale referente di Amka Onlus, associazione con sede a Roma.
Amka Onlus, ci ha raccontato, è stata costituita nel 2001 da un gruppo di amici che in quel periodo frequentavano insieme un gruppo missionario parrocchiale. Fu in quell’occasione infatti che ebbero opportunità di conoscere due sacerdoti congolesi con i quali rimasero nel tempo in contatto e con i quali iniziarono le prime collaborazioni e il sostegno dei primi progetti.
Amka Onlus ha iniziato così ad operare in Rep. Dem. del Congo. Dal 2009 ha avviato progetti anche in Guatemala.

Continua a leggere >>

Categorie: | Tags: , , , , , | Commenti disabilitati su R. D. Congo, Guatemala … “rialzarsi” con Amka Onlus

QUARTA. Giorgio contro Fango

Era questa la sensazione che mi accompagnava camminando per le strade di Torino durante le notti invernali. Il freddo è come una serranda, un confine blindato tra le piazze e le vie che vi conducono, tra i volti delle prime e l’ignoto nelle seconde.

Non ho mai accusato il freddo nei luoghi di ritrovo come le piazze. La folla di pensieri mi dava l’illusione, al centro della piazza, di un focolare che emanasse calore senza alcun bisogno del fuoco.

Fuori dalle piazze il freddo, la confusione, l’instabilità, gli incontri casuali, rapidi e improbabili. Le vie erano il magazzino dei segreti torinesi, rappresentavano l’assurdità che prevale sulla logica.

Il Risorgimento, l’infinità di idee che hanno creato il nostro paese si trovano ancora ingarbugliate orgogliosamente nelle strade della città.

Continua a leggere >>

Categorie: | Tags: , , | Commenti disabilitati su QUARTA. Giorgio contro Fango

Insieme per i bambini, l’ambizione di JeLED Togo

Era da diverso tempo che eravamo entrati in contatto con Didier, ideatore, responsabile di JeLED Togo. Purtroppo la distanza, la difficoltà linguistica hanno ritardato la stesura di questo articolo. Viene scritto ora, segno ulteriore che fare rete è un obiettivo vero, da superare ogni ostacolo.

Abbiamo conosciuto Edoardo Scalco, contatto e referente di JeLED Togo, associazione togolese con sede a Lomé, in Togo, stato in cui opera.
Edoardo ha avuto occasione di svolgere un periodo di volontariato presso l’associazione in loco nel 2010 e, avendo mantenuto i contatti nel corso del tempo, ha avuto modo di parlarci e raccontarci di come è nata e quali sono i progetti.
JeLED Togo è stata costituita nel 2012 su iniziativa di Didier Missihoun.

JeLED è l’acronimo, in lingua francese, di “Jeunes Logis pour les Enfants Déshérités”.

Continua a leggere >>

Categorie: | Tags: , , , , , | Commenti disabilitati su Insieme per i bambini, l’ambizione di JeLED Togo

Messaggi di pace, la strada di Non Dalla Guerra


Continua il nostro percorso di conoscenza di realtà, di associazioni attraverso un messaggio, il messaggio di avvicinamento sui social. Segno di continua crescita del progetto e di stima reciproca per volersi quindi conoscere.

Abbiamo conosciuto Matteo Mabilia, referente e segretario dell’associazione Non Dalla Guerra di Vicenza.
Matteo ci ha raccontato che Non Dalla Guerra è stata costituita ufficialmente in associazione nel novembre 2016. L’idea però di contribuire a sostenere progetti all’estero nacque nel 2014, anno in cui due giovani ventenni, Giovanni Zambon e Tommaso Carrieri, ebbero occasione di fare un’esperienza di volontariato in Giordania con la Caritas. Fu allora infatti che trascorsero due settimane nella città di Al Mafraq, nel nord del paese, con la possibilità di conoscere la situazione dei siriani fuori e dentro il campo profughi Zaatari Camp e di entrare in contatto con la realtà e le difficoltà locali, soprattutto dei bambini e delle loro famiglie rispettivamente impossibilitati a studiare e a lavorare.

Continua a leggere >>

Categorie: | Tags: , , , , , , , , | Commenti disabilitati su Messaggi di pace, la strada di Non Dalla Guerra

Storia di solidarietà, la storia di Tengo al Togo


Il contatto con l’associazione di cui parleremo in questo articolo è avvenuto curiosando su facebook e quasi per caso è stato bello scoprire che avremmo potuto incontrarci già in passato per altre Onlus. Segno di rete, di sinergie, di collaborazioni, interconnessioni.

Abbiamo incontrato Ciro Cirillo, referente e presidente dell’associazione Tengo al Togo di Bussoleno, in provincia di Torino.
Ciro ci ha raccontato di come l’associazione sia stata costituita ufficialmente nel 2013 ma che l’idea iniziale risaliva al 2008, anno in cui scomparì in un incidente suo figlio Francesco e, insieme ad un gruppo di altre persone, si era deciso di sostenere, con i fondi raccolti, la costruzione di un ambulatorio in Togo, nel villaggio di Tohouèdèouè, nel Cantone di Asramà.

Continua a leggere >>

Categorie: | Tags: , , , | Commenti disabilitati su Storia di solidarietà, la storia di Tengo al Togo

I frutti di Mazao ONGD in terra congolese


Raccontare storie è il nostro obiettivo, la nostra mission. Se poi la storia che si racconta si intreccia con il proprio passato, con le proprie radici, con la terra in cui si è cresciuti, è per noi motivo di ulteriore entusiasmo e felicità.

Abbiamo conosciuto Chiara Trotto, referente e socia fondatrice dell’Associazione Mazao, organizzazione con sede a Roma e costituitasi in Italia nel 2014, ma già presente in R. D. Congo, paese in cui opera, dal 2012.
Chiara ci ha infatti raccontato di come Mazao sia un’associazione congolese nata su iniziativa sua e di Luca Urbano, l’attuale presidente, 3 ragazzi congolesi, 1 giapponese e 1 libanese che si sono incontrati in R. D. Congo nel 2012 e hanno deciso di fondare insieme l’ong locale.  Il Congo è il paese in cui Luca ha vissuto gran parte della sua infanzia e adolescenza e il 2012 ha segnato l’anno di ritorno in terra congolese per radicare e consolidare il suo impegno nel paese. In quell’anno Luca e Chiara passarono 6 mesi in Katanga per verificare le possibilità e la fattibilità del progetto di sviluppo agricolo che avevano in mente, modificandolo e plasmandolo secondo le problematiche e i bisogni registrati durante gli scambi coi contadini.

Continua a leggere >>

Categorie: | Tags: , , , , , , | Commenti disabilitati su I frutti di Mazao ONGD in terra congolese

TERZA. Michael: la sfinge del museo Egizio

Ci siamo trovati da Ciccillo, tutti puntuali, alle 13. Il proprietario, napoletano doc, ci ha accolto con pacche amichevoli sulle spalle. Io mi sono un po’ sciolto. In fondo sono sempre stato combattuto sulla scelta di accettare o meno l’invito.

Il giovane vestito in maniera stravagante è stato il primo ad aprire bocca: – Tra l’altro ieri non mi sono neanche presentato, mi chiamo Michael -.

Era vestito allo stesso modo del giorno precedente, come gli altri d’altronde. Indossava dei pantaloni viola da hippie, larghissimi ma molto stretti sulla caviglia, e scarpe di pelle nera, chiaramente di qualche numero di troppo e tutte impolverate. La maglia, nera e con la zip, apparentemente pulita, si contrapponeva ai capelli, neri, sporchi e disordinati: ho pensato che probabilmente la sera prima non aveva usufruito delle docce del dormitorio.
Lo sguardo bonario e l’espressione un po’ ebete di quel ragazzo mi hanno fatto istantaneamente provare simpatia nei suoi confronti.

Continua a leggere >>

Categorie: | Tags: , , | Commenti disabilitati su TERZA. Michael: la sfinge del museo Egizio