browser icon
You are using an insecure version of your web browser. Please update your browser!
Using an outdated browser makes your computer unsafe. For a safer, faster, more enjoyable user experience, please update your browser today or try a newer browser.

Dal Monviso al Brasile Onlus

logo_dal_Monviso copia_modificato-1Referente: Davide Mondino, Tel.: +39 3313019036, E-mail: info@dalmonvisoalbrasile.it,
Sito: www.dalmonvisoalbrasile.it

Xlestrade ha incontrato Davide Mondino, attuale presidente dell’Associazione Dal Monviso al Brasile Onlus.

brasile (3)Davide ci ha raccontato come l’associazione sia nata nel 1994, a Ostana, un paese vicino Saluzzo (CN) in alta montagna. Il nome dell’associazione è stato dato con l’intento di essere da ponte, di unire due realtà completamente differenti e distanti, ovvero il Brasile e la montagna cuneese.
La nascita dell’associazione fu dovuta all’esigenza di trovare un modo per sostenere il lavoro di Don Angelo Vincenti, parroco che, dal 1991, opera nella città di Palmares, centro di 60000 abitanti situato nel nordest dello stato brasiliano. Don Vincenti, precedentemente, era parroco in uno dei paesi della valle del Monviso.
La costituzione, e riconoscimento, in Onlus avvenne però solo nel 2001, anno nel quale ci fu il primo vero e proprio ricambio generazionale.

Davide ha voluto raccontare a Xlestrade, prima di parlare dei progetti e delle attività dell’associazione, cosa è il Brasile oggi e cosa sta diventando.

Il Brasile è uno Stato in forte crescita economica ma con una serie di problematiche ancora irrisolte e con difficoltà sociali molto forti.
Ci ha raccontato come sia passato in poco tempo da una totale indifferenza da parte delle istituzioni ad essere fortemente burocratizzato.
Infine ci ha parlato della Teologia della liberazione, dottrina presente in tutto il Sud America. Questa si basa sulla liberazione delle persone dalla povertà in cui riversano al fine di poter iniziare il loro cammino nella società. Ebbene, nonostante il boom economico, tali povertà ancora sussistono rendendo il Brasile un paese ancora di missione, sia religiosa sia cooperativa.

Ritornando all’associazione, il progetto su cui si fonda è una comunità casa-famiglia realizzata nel 1991 per i ragazzi di strada di Palmeiras e dintorni. È ancora operativa e al suo interno ospita 45 ragazzi.
Davide ci ha detto che nel 1991 il fenomeno dei ragazzi di strada era diffuso in tutto il Brasile, in ogni luogo e in ogni piazza. Attualmente invece è un fenomeno quasi tipicamente urbano.
La comunità inizialmente era aperta, ovvero non vi erano restrizioni o barriere su chi poteva entrare e su chi non poteva avere accesso. Ora occorre un’autorizzazione del Tribunale dei Minori a seguito di un provvedimento dell’Autorità giudiziaria.

Altri progetti attivati nel corso degli anni sono:

  • Una seconda casa-famiglia femminile al cui interno sono ospitate anche ragazze madri.
  • Centri per lo sviluppo di attività quali doposcuola, teatro, musica. Tali attività vengono svolte nel periodo non scolastico e hanno la funzione di essere da prevenzione alla strada.
  • Micro-cooperative e corsi professionali. Le micro-cooperative sono state create al fine di trovare soluzioni alternative al latifondo della canna da zucchero di cui Palmeiras è ricco ma che per troppo tempo è stata l’unica fonte di reddito per il solo periodo della raccolta.

Nel 2000 hanno invece aiutato una trentina di famiglie che vivevano nella discarica comunale della cittadina Exif_JPEG_PICTUREbrasiliana a costituirsi in cooperativa con lo scopo di poter vivere di raccolta differenziata. Davide ci ha raccontato che grazie a questa soluzione sono riusciti a costruirsi case tramite un… . Il significato di Mutirão è, in lingua brasiliana, “qualquer mobilização de cidadãos, coletiva e gratuita, para execução de serviço que beneficie uma comunidade”. A palavra mutirão não consta nos dicionários, existe sò fora dos livros. A palavra mutirão fica na vontade das pessoas. In italiano, “è qualsiasi mobilitazione di cittadini, collettiva e gratuita, che mira a realizzare un servizio che porti un beneficio a una comunità di persone.” Questa parola non c’è nei dizionari, sta fuori dai libri. È nella volontà delle persone.

L’associazione Dal Monviso al Brasile Onlus opera anche in Italia, ovvero facendo raccolta fondi al fine di sostenere le attività in Brasile. Crea eventi teatrali, cene, cura pubblicazioni ecc..
Ha attivato inoltre da tre anni laboratori didattici e creativi per bambini. Tra questi ha promosso un laboratorio nel quale si insegna, prendendo spunto dalla realtà brasiliana, a costruire giocattoli con materiale di recupero. Questo rappresenta uno stimolo per i bambini per crearsi un gioco e per stare insieme.

A partire dal 2012 l’associazione è in fase di rinnovamento sia all’esterno, al fine di attivare nuovi progetti, sia all’interno, al fine di strutturarsi meglio e rendersi più visibile verso coloro che sono fuori dalla sua rete di contatti e conoscenze. A tal proposito è aperta a chiunque fosse interessato e abbia desiderio di portare le proprie idee e dare il proprio contributo.
Durante gli anni sono stati in tanti inoltre ad avere fatto, dopo un periodo di formazione, un’esperienza in Brasile, sia di breve che di lunga durata, da 6 mesi ad un anno.

Xlestrade ha chiesto infine qual è il messaggio che, a nome dell’Associazione, Davide ci avrebbe voluto lasciare.
Ci ha lasciato una frase di Gandhi: “Il mezzo può essere paragonato a un seme, il fine a un albero; e tra mezzo e fine vi è esattamente lo stesso inviolabile nesso che c’è tra seme e albero”.
In conclusione, indipendentemente dal luogo geografico, una cosa è fatta bene quando crea un miglioramento nella vita degli altri.

Xlestrade ringrazia l’Associazione Dal Monviso al Brasile e le augura di proseguire nella costruzione di nuovi ponti e strade per unire e non per dividere.

Exif_JPEG_PICTURE


Rispondi