browser icon
You are using an insecure version of your web browser. Please update your browser!
Using an outdated browser makes your computer unsafe. For a safer, faster, more enjoyable user experience, please update your browser today or try a newer browser.

Amici del Perù Onlus

logo peruviano Amici del Perù Onlus copiaReferenti: Francesco Caneva, Maurizio Simonetti; Tel.: +39 3474494843; E-mail: amicidelperu@gmail.com;
Sito: amicidelperu.info

Ci ha raccontato di Amici del Perù Onlus il suo attuale referente in loco Maurizio Simonetti. Maurizio è volontario dell’associazione dal 2009 e risiede stabilmente in Perù dal 2011.

Amici del Perù 1Maurizio ci ha raccontato di come l’associazione sia stata fondata agli inizi degli anni 90′ con l’obiettivo di sostenere l’attività di Maurizio Caneva, allora missionario laico nello stato sudamericano.
L’associazione, dal 2009, continuò con Francesco Caneva, fratello di Maurizio, e con la moglie Claudia Sodini. Francesco è l’attuale presidente in Italia, mentre Norbina Gallegos Altamirano, di Cusco, é Presidente per la parte Peruviana.
L’associazione, con sede a Lucca, è riconosciuta come Onlus in Italia e, dal 2011, come ONG in Perù.

I progetti che l’associazione realizza sono incentrati sulla sicurezza alimentare, sulla salute, sull’ambiente e sulla cultura.
La sede locale di Amici del Perù Onlus è nella regione di Cuzco. Operano però nella Municipalidad de Livitaca, nella Provincia di Chumbivilchas e nella Comunidad de Mollebamba, Municipalidad de Paccarectambo, nella Provincia di Paruro.

A Livitaca, a 3900 mt. di altezza, ha collaborato con la costruzione di un centro di salute divenuto nel tempo un ospedale riconosciuto tra i 20 centri più strategici altoandini.
Ha inoltre contribuito alla costruzione di un forno con il quale produrre pane e altri prodotti.
Gestisce, in collaborazione con la parrocchia locale e con il Comune, una mensa popolare rivolta a bambini e ragazzi bisognosi.
Infine ha realizzato l’ Inti Wasi (Casa Solare in lingua quechua). Il progetto è consistito nella realizzazione di un luogo scaldato dal sole con una temperatura media annuale di 20 gradi, Amici del Perù 2con all’interno un laboratorio dove si costruiscono per la popolazione bisognosa, docce, forno, cucina tutte a funzionamento solare, due bagni a secco e un’ulteriore cucina a combustione pirolitica. Nel complesso è presente anche una serra nella quale sono coltivati alberi da frutta e ortaggi, per successivamente essere trapiantati all’esterno. L’obiettivo della serra è la differenziazione nell’alimentazione quotidiana della popolazione locale, basata su patate, fave e formaggio.
A Livitaca l’associazione termina, ci è stato detto, il suo sostegno nel dicembre 2014, in quanto è previsto che il progetto sarà allora in grado di autosostenersi.

A Mollebamba Amici del Perù Onlus sostiene invece la comunità locale da poco tempo. L’associazione ha iniziato con l’appoggiare la mensa parrocchiale. A partire da marzo 2014 dopo 2 anni di funzionamento nel centro di Paccarectambo, con anche lo scopo di conescere le realtá delle comunitá piú bisognose, come appunto Mollebamba e le altre 4 che la circondano. L’associazione avrà inoltre in gestione per tre anni un piccolo centro di salute costruito nel 2009 dalla Fondazione Angelo D’Arrigo.
L’obiettivo, in prospettiva, è trasferire le competenze acquiste a Livitaca, potenziandola con un bio orto che verrá gestito in collaborazione della comunitá, ma principalmente dai ragazzi delle scuole, primaria e secondaria di questa comunità.

Tra i progetti futuri vi è poi quello di operare nell’ambito culturale in quanto questa zona è compresa tra il sito archeologico di Mauk’allacta e la Ventana di Tampu Tuco.
L’obiettivo è riuscire, attraverso il turismo, a creare posti di lavoro in ambito artigianale e tessile sviluppando le competenze e le conoscenze della comunità locale, per non dimentacare i laboratori dove si insegnaranno lavori di tipo elettricista, idraulico, ecc, per poter far si che gli abitenti stessi possano acquisere le conoscenze necessarie mer migliorare le loro abitazioni e quindi lo stile di vita.

In Italia l’attività principale è incentrata sul far conoscere i progetti, sull’organizzare occasioni di incontro e sul reperire i fondi necessari.
Xlestrade ha chiesto informazioni su come poter collaborare con loro. È possibile innanzitutto partecipare e contribuire nella realizzazione degli eventi fatti in Italia. É inoltre possibile fare un’esperienza di volontariato in Perù al fine di poter conoscere la realtà locale.

Abbiamo chiesto infine un messaggio da lasciarci.
Il messaggio è in realtà un invito, ovvero quello di documentarsi e di sperimentare la vita per poterla conoscere. Occorre capire e vedere la realtà senza mai perdere i valori fondamentali dell’essere umano.

Xlestrade ringrazia Amici del Perù Onlus. Abbiamo conosciuto questa realtà per caso, con un incontro. Gli incontri sono importanti, possono creare sinergia ed essere fonte di consocenza e di esperienza.

Amici del Perù 3


Commento:

  1. cristina

    Grazie per aver raccontato la nostra storia, così altre persone potranno conoscerla..la solidarietà è contagiosa!!

Rispondi